lunedì 31 maggio 2010

La resa dei conti

Scrivo sull'onda dei ricordi della giornata di ieri e mi scuso se le cose che dirò non saranno coerenti o sagge, ma sono davvero sfinita.
Ieri c'è stata la fantomatica Prima Comunione e... beh, andiamo con ordine... il sabato l'ho passato a cucinare. Bello, mi piace cucinare. Come "regalo" aggiuntivo per Leo gli ho permesso di scegliere il menù. Male, malissimo, pessima idea. Il menù da lui scelto è il seguente, e tutto per 15 persone:
antipasti da spalmare (mousse di salmone, baccalà mantecato (specialità triestina che si compra, per fortuna), mousse di tonno ed olive, taramasalata (specialità greca a base di patate e uova di pesce; si compra anche questa grazzieaddio), burro e acciughe) su crostini di pane. E fin qua va tutto bene, ce la posso fare.
Come primo piatto: insalata di chiocciole di pasta con pesto (chiaramente fatto da me "Mamma non lo compri, vero, tu lo fai così buono"), gamberetti, pomodorini datterini e olive Kalamata (da comprare in Slovenia perchè in Italia non si trovano quelle solo sott'olio). E già qua cominciavano i primi segnali di nervosismo.
Come secondo: aspic di trota salmonata con guarnizione di filetti di trota salmonata affumicata e uova di trota servito su un letto di insalatina con contorno di patate novelle bollite all'olio Guasco e salsa delicata al rafano. E qua davo chiari segni di squilibrio... ma dico, mi ha preso per Gualtiero Marchesi? Ma proprio a me doveva capitare un figlio buongustaio? E a chi devo dare la colpa di tutto ciò? Ma al Marito, ovvio:"Facciamogli provare questo, e poi quest'altro, deve abituarsi a tutti i gusti." Hai visto? Hai visto cosa succede a proporre menù diversi e raffinati? Poi il bambino non si accontenta di pollo e patatine, vuole la nouvelle cousine, lui! Vuole pesce e riso e verdura! Come un gatto! Ma cos'è sta cosa? Dove sono finiti i bambini viziati di una volta? E poi vedi chi ci va di mezzo? Sempre io... e tu, dove vai? A fare la spesa? Ah, bravo, ma portati almeno Riki... come sarebbe a dire che non ce la fai a fare a spesa con lui? E ma lo lasci qua, che vuole provare a cucinare anche lui? Vabbè, soprassediamo...
Come dolce: mousse a strati allo yoghurt greco, lamponi e croccanti all'avena. Eccoci. L'apoteosi. Una bella torta al cioccolato facile facile nemmeno a sognarla, vero? No, Leo, non piangere, mamma ti adora e starà tutto il giorno in cucina FELICE, con il SORRISO a cucinare per te. Poi quando sarò vecchia e mi vorrai mettere in una casa di risposo ne riparliamo e vediamo SE OSERAI.
E poi la tavola. Beh, su questo nulla da dire, adoro imbandire, e per questa occasione ho pensato ad un centrotavola molto grazioso e semplicissimo. Una lunga fila di bottigliette con dei fiorellini molto semplici e confetti sparsi qua e là che danno un po' un effetto ghaia, tipo il mare o il letto di un fiume...Carino, vero? C'è da dire che mi sono dovuta sacrificare a bere tutti quei Campari... ah, cosa non si fa per i figli...
Bene. Passata questa lieta vigila dell'evento, dove alla sera tutti e 3 (Riki no, a lui nulla lo tocca) ci saremmo potuti arrampicare sui muri dal nervoso, alla mattina della domenica ci siamo svegliati belli pimpanti, ci siamo vestiti, c'era un sole meraviglioso ed ora vi posso pure fare vedere qual'era la mia mise, preparata con tanto anticipo! Ocio, che parto con i link. Del vestito riconoscete la stoffa, che ho dipinto qui. Ora vedete il risultato, che ne pensate? A breve anche il tutorial su come realizzarlo.Siccome le previsioni di questi ultimi tempi prevedono pioggia e pioggia e variabile e chissadiocosaciinventiamoora, ho pensato di fare una giacchina da infilarci sopra. Il modello l'ho preso dal libro Cardigans di Louisa Harding, che ho comprato di recente. Il modello è splendido, le istruzioni chiarissime ed ho trovato un filato meraviglioso, non rende per niente in foto (vabbè che novità).N.d.M.: con il filato avanzato ho fatto i mezziguantini per Scarabocchio, ricordate?
Ed ecco la mise completa, notate i sandali Max Mara in tinta, vera botta di c**o averli trovati.Insomma, anche Il Marito ed i figli erano elegantissimi, ma ovviamente non ho nemmeno una foto, Il Marito non le scuce. Comunque sia, tutti eleganti siamo usciti e... ha iniziato a piovere! Ma non una pioggerellina primaverile, un rovescio da tempesa in mare con morti e dispersi! Vi lascio immaginare come siamo arrivati in chiesa... piccolo inciso di poco conto perchè Il Marito mi ha già sgridato abbastanza: ho dimenticato dove avevo parcheggiato la macchina e siamo dovuti andare tutti con quella di mia mamma. E poi si parla male delle suocere. La cerimonia è stata molto toccante e sentita, ho pianto come una fontana facendo una figura barbina davanti al prete che mi guardava sconcertato. La festa a casa ha avuto un grande successo, l'aver fatto tutto freddo si è rivelata una mossa vincente ed ho resistito a tutta la durata della festa senza togliermi i sandali. I regali, pochi e significativi, sono stati graditi e... beh, la bici regalata dagli zii ha suscitato in Leo una gioia incontenibile! Alla sera, stanchi ma felici, io e Il Marito ci siamo goduti una serata davanti alla TV con un Martini Rosè.
Ed ora le dolenti note, anzi, solo una, ma per me davvero dolorosa. Non eravamo in 17, ma solo in 15 perchè una persona a me molto vicina ha preferito andare a fare una vacanza invece che venire alla cerimonia di Leonardo. Dicendo:"Non posso rinunciare a questo viaggio, che mi hanno regalato, perchè costa 1000 Euro, vedrò Leo dopo la Comunione e gli darò il regalo." sapete come la penso, che il regalo non ha nessun senso, che l'importante era che questa persona venisse alla cerimonia ed alla festa... poteva fargli anche una caramella, ma venire. E non intendo accettare nessun regalo da parte sua, da parte di uno che pensa che mio figlio valga meno di 1000 Euro. Basta lagne, andiamo avanti!

17 commenti:

try2knit ha detto...

Avevo letto anche il tuo post precedente e devo dire che concordo pienamente con te, con tutto quello che hai detto. Mi ricordo il giorno della mia comunione come importante perché Gesù veniva a dimorare nel mio cuore, io lo incontravo, dopo tutta la preparazione che c'era stata. Eravamo tutte vestite uguali come piccoli fraticelli, in regalo una catenina di ricordo con la data e una bella immaginetta e un vangelo con dedica dal mio don e i catechisti. Pranzo a casa, cucinato da mia mamma (che era una mamma fantastica come lo sei tu!) e con noi pochi parenti e amici.
Ieri alla cresima di un amico di famiglia regalo: un iphone! Mah!
Tutto questo detto da una che la fede l'ha persa ma che ha un dolcissimo ricordo della prima comunione, non per i regali, non per i vestiti, ma perché finalmente ero davvero in comunione con Gesù.

méli-mélo ha detto...

Guarda, mi dispiace che questa persona "amica" ti abbia profondamente delusa però credo che conoscere veramente chi abbiamo accanto sia importante e se tu hai dovuto conoscere la sua vera natura in modo così antipatico, pazienza, però almeno adesso sai con chi hai a che fare! Spesso le persone ci deludono, ma io cerco di non farmi abbattere da questo perché l'imperfezione è nel nostro dna ... La cerimonia e la festa sono state grandiose lo stesso e questo è quello che conta veramente ... tutto il resto ti ha solo aiutato a fare chiarezza nei tuoi rapporti con il prossimo.
Un abbraccio comprensivo.
Vannalisa

perlAmica ha detto...

Tanti auguri (in ritardo) a tuo figlio e complimentoni per tutta la perfetta organizzazione!

Il vestito confezionato con la "tua" stoffa è bellissimo!!!!

Ps: siamo d'accordissimo con quello che hai scritto nel precedente post anche perchè, oltre ad essere mamme alle prese con i sacramenti dei figli, siamo anche due catechiste della nostra parrocchia e....far passare il significato vero e profondo dei sacramenti non è per niente facile.
La cosa buffa (o triste) è che è facile con i ragazzini...ma molto molto difficile con le famiglie che vogliono organizzare dei piccoli matrimoni!!!!!

Baciii
Cri&Anna

Perline e bottoni ha detto...

Mia dolce amica, la mamma del mio caro maritino separando, cioè la NONNA di mio figlio, suo primo nipote, due giorni prima del suo compleanno è partita per le vacane. E quando è tornata le ho detto (in verità vomitato addosso) quello che pensavo e mi ha risposto candidamente "Tanto lui non capisce". E io candidamente "Ma capisce la mamma..." Quindi non stupirti: la gente str***a c'è dappertutto, non è che con te è buona e poi con gli altri è str***a. Esistono le "mamme streghe" (si è visto mio marito che fine ha fatto), gli egoisti, i "prima io"... E poi guarda il lato positivo: non è certo, ma si dice che il 17 porti sfgiga. E poi tu eri superWow!

silvia ha detto...

Sei un vulcano davvero!!! E io che sono sempre stanca con un figlio solo? Vi vien male a pensare al dover organizzare le festine he he ... scherzi a parte, una volta fatto il vestito è belllissimo e la stoffa risalta da dio! Brava, sei una mamma super! Baci.

Scarabocchio ha detto...

Io, io!!! Io posso garantire sulla validità del filato del cardigan: davvero particolare e prezioso!
Ed è vero, in foto rende poco!

Ho letto adesso il Post Contro e mi sono reimmedesimata in tutto quanto: ho vissuto qualche anno fa la stessa esperienza e ancora porto addosso i segni di un determinato sconcerto (tipo risse alle riunioni per decidere se alle femmine "coroncina si, coroncina no", e alla fine tutte quelle che erano convinte del "coroncina no" hanno portato le figlie all'altare con acconciature da far rabbrividire Moira Orfei!)

Bellissimo il vestito, spettacolare l'effetto cromatico!
Godurioso il menù e accidenti alla pioggia!
Vabbè, è passata!
(me lo ripeto spesso, ma poi mi ricordo che ho un altro bimbo che tra qualche anno, inevitabilmente, dovrà comunicarsi anche lui!)

Lodi al centrotavola, eh!
Diglielo... ^^

poppy ha detto...

e alla fine la ricompensa/vendetta il martini rosè
olè!

p.s.ora bisogna provarlo(il martini rosè)
p.p.s.una bevuta alla salute di chi ci ama,e alla faccia di chi di noi se ne sbatte.
p.p.s.s.avevo già adocchiato la tecnica di tintura della seta.ti pare ;p

Tibisay ha detto...

Al contario di quello che faccio di solito... vi risponderò collettivamente... con un grande, enorme GRAZIE. Mi fate sentire meno sola, meno strana e... anche meno alcoolizzata, dai.

elena fiore ha detto...

Battisti cantava "Prendila così".
E tu prendila così, in senso buono.
NOn "prendertela così"!
Questa persona ben lo sa che tuo figlio vale più di 1000 €.
E' che si è tutti un po' stressati, ed una vacanza pare proprio un miraggio da "prendere" perchè poi chissà quando ti riesce ad incastrarne un'altra.
I miei genitori, per un week end al lago come tanti altri (e non una vacanza esclusiva) non sono venuti al battesimo di mia figlia, loro unica nipotina.
Ci credi che non me la sono proprio presa?
Il giorno della S.Comunione, deve essere sopratutto significativo per il tuo cucciolo. Il resto, per quel che mi riguarda, è forma.
Un po' come il tuo discorso del post precedente: concordo in pieno.
Tra un anno, sarà la mia Lara a fare la Comunione. Lascerò tutti liberi di andare a fare i loro week end fuori porta, senza pensare che per loro la mia bimba valga poco.
Perchè so, che per qualcuno lassù che le ha dato la vita, vale molto.
E mi faccio bastare questo.
Che non è mica una cosuccia così :-)

Dimenticavo: tu sempre bellissima, il tuo visino sempre troppo simpatico ed il tuo abitino tinto e cucito...mammaMiaCheBrava!

Bacionzolo, prendila così ;-)
elenita°*°

Tibisay ha detto...

Elenita cara, grazie di fare sentire la tua voce così "fuori dal coro", lo apprezzo davvero (non è una battuta, questa volta!). Ma, ormai mi conosci, non posso proprio "non prendermela"! Il sangre caliente e i Martini me lo impediscono!

Lilly ha detto...

anch'io mi trovo d'accordo con elena...quanto sia importante tuo figlio ad ogni modo non saranno gli altri a dimostrarlo...e come dici tu a noi non interessano neanche i regaloni...
fantastico il tuo menu ma come hai fatto a crescere su un figlio così straordinario già solo per il palato così sottile???
lo sapevo che avresti sfruttato quella stoffa per un'occasione specialissima ;-)

Tibisay ha detto...

Lilly, che ne so come mai è così un bongustaio? Io da piccola non avrei mangiato altro che pizza e minestra di fagioli... abbinata tragica, lo so, ma che ci vuoi fare... sono bambini!!!

AnnaDrai ha detto...

complimenti per la perfetta organizzazione... e che vestito, in questo caso davvero un pezzo unico!
la nota dolente: capisco benissimo che tu ci sia rimasta male... ma a volte occorre anche mettersi nei pannia altrui e pensare che magari questa cerimonia non aveva la stessa importanza che ha per te... è doloroso da accettare, ma io penserei alla bella giornata che vi siete goduti tutti assieme... tutto il resto non conta

L'armadio del delitto ha detto...

Ah! Bellissimo post! Mi hai fatto troppo ridere con i raggionamenti sull'insegnare il buon gusto ai figli! Ora mando il link del tuo post al signore del delitto, che si immagina già di insegnare a mangiare cose raffinati ai nostri futuri figli!
Scusa del ritardo nel leggerti... ho due nuovi lavori impegnativi che non mi lasciano molto tempo libero... e anche tradurre non ci riesco (scusa!)
Almeno potrò partire in vacanza in agosto!

la.daridari ha detto...

ma tuo figlio che boccuccia c'ha? alla faccia di Gualtiero Marchesi, è... un signorino del sapore! e meno male, chè mangiare è uno dei piaceri della vita (anche se io, come te, forse preferisco il bere)!!!!!
e tu brava a cucinare, ad addobbare e a confezionarti un vestito unico!
per il resto, mi associo in ogni parola ad Elena e perciò ti dico...prendila così e Amen!
cin cin!!
Daria

handmadecreativity ha detto...

Ciao sono Taced... complimenti sia per il pranzo che per l'abito.
Ti ho assegnato un premio sul mio blog... spero ti faccia piacere... passa a "ritiralo virtualmente" qui:
http://handmadecreativity.blogspot.com/2010/06/premio-honest-scrap_19.html

Ciao, Taced

Tibisay ha detto...

Scusatemi il ritardo con cui vi rispondo!!!
@Anna: grazie delle tue parole, ma ormai è troppo tardi, eheheheh... ero arrabbiatissima e ci ho litigato... terrò da conto per la prossima volta, e anche terrò da conto di seguire i consogli altrui e di non essere troppo irruenta (Nota Per Me)

@Armadio: grazie del commento, non ti preoccupare se non ce la fai, non importa. Davanti al lavoro non si discute. E, come vedi, se vuoi dei figli raffinati con gusti squisiti, dovrai lavorare tanto per guadagnare tanto per farli mangiare tanto e bene, ahahahah...

@Daria: grazie mille, Daria, vedi sopra cosa ho risposto ad Anna...

@Taced: ma grazie!!! Corro a farti un salutino di persona!!! Prometto che rispondo, eh...