mercoledì 30 gennaio 2013

Tibisay, Alice, Ekeloa.

A Trieste c'è l'usanza, quando si hanno ospiti provenienti da altre città, di portarli in giro per i caffè... intesi come bar, dico.
E questo perchè? Per fare sfoggio di cultura sulla tradizione del caffè (inteso come bevanda, questa volta) e stordirli ordinando un "capo in B senza schiu".
E poi godere della loro faccia stupita, ovvio.
E qual posto è migliore del caffè San Marco?

Poi si prevede un giretto per città, a far vedere le "belesse" locali, quale la Sinagoga, un tempio israelitico davvero imponente!
Certo, non si può sferruzzare tutto il giorno, vero?
(Anche se, visto che Il Marito mica ci sente... sarebbe beeeeeeellissimooooooo...)
Qualcuna è d'accordo ma non lo dice...
E, mentre passeggiamo e godiamo di una splendida giornata di sole, arriviamo al mare e, ohibò! Che ha combinato la Bora la notte scorsa?
Certo lo spettacolo impensierisce un non - triestino, ma ho visto facce più terrorizzate davanti ad un cassonetto rovesciato...
Concludiamo il giretto con la classica foto sul modo Audace, come i più classici turisti... ma Trieste è così, il turistico si mescola con il locale in una mistura a volte piacevole ed a volte che stride un po'.
E già pensiamo al pranzo e al pomeriggio di sferruzzo selvaggio e alla domande con cui assilare Alice!
Tutte le cose belle finiscono, però...
Si, inutile che guardi con quella faccia... si, sono partite, tutte.
Due giorni troppo brevi.
Photo Courtesy: Il Marito.

Altre foto e punti di vista QUI e QUI.

4 commenti:

Filly ha detto...

strabiliante l 'ultima foto!
e si le cose belle finiscono in un nano secondo :(
rimane il ricordo e nel ricordo un sorriso da "ebete" ti verrà!

PaolaeMargherita ha detto...

Beh, dai, è finita ma vi sarete divertite tanto...beate voi, care!
Trieste deve essere una bellissima città, e poi c'è Valentina!

knitting bear ha detto...

Ueilà che trio...
Passa il tempo quando ci si diverte!

Tibisay ha detto...

:)