lunedì 6 gennaio 2014

Brrr… It's Cold Outside!

Questa fine d'anno ho avuto l'occasione di lavorare con un filato molto insolito per me… la Big Wool della Rowan.
Ho iniziato, infatti, grazie all'esplosivo trio delle Crowdknitters, una collaborazione con la Coats Cucirini che mi vedrà impegnata, durante tutto il 2014, a realizzare alcuni pattern con i loro fantastici filati: sono molto emozionata ma anche già piena di idee da proporre!
E quindi, sotto a provare tutti i nuovi prodotti.

Cominciamo con il primo, la Big Wool.
Come dicevo, è un filato insolito e generalmente non l'avrei scelto perché non amo particolarmente lavorare con i ferri numero 10!
Eppure, nonostante le ovvie difficoltà che questo comporta, ho avuto la sorpresa di scoprire che il filo tutto sommato scorre piuttosto bene tra le dita e non si "inceppa": a mio modesto parere è anche perché è un filato di pura lana, per cui la qualità di fa sentire!
La fascetta è molto completa: troviamo i "soliti" dati, come peso, metraggio, ferri consigliati.
Per quanto riguarda il campione, le misure del mio, sia prima che dopo il lavaggio ed il bloccaggio non corrispondono a quelle date. Nulla di stranissimo, spesso i dati sulla fascetta sono indicativi, abbiamo tutti "mani" diverse!
Sulla fascetta troviamo bene in vista anche le istruzioni per il lavaggio: elemento indispensabile davvero!
Dicevo prima che durante la lavorazione il filo non solo non si "inceppa" ma, nonostante i capi siano ben evidenti, non si divide nemmeno: un altro punto a favore, quindi!
Vista la grossezza, ho comunque scelto di lavorare un semplice motivo di diritti e rovesci che risalta molto bene sul tessuto prodotto, anche per via della sua elasticità.
Pur essendo pesante, infatti, il prodotto lavorato risulta morbido al tatto e per nulla rigido.
Insomma, per finire, è un filato che consiglio certamente per capi come colli, sciarpone o berretti, in particolare per ragazzi o ragazze piuttosto giovani, visto che accessori superbulky sono molto di moda in queste ultime stagioni. Non realizzerei di sicuro un maglione, ammenochè non lo debba fare per una modella anoressica di 40 chili.

Questo filato mi ha portato alla creazione di "Brrr… I'ts Cold Outside!", uno scaldacollo dalla linea semplice, chiuso su un lato con i bottoni, in modo da poterlo portare sia completamente abbottonato sia leggermente aperto per scaldare anche una porzione di spalle.
Giovane e spiritoso, è lavorato con un facile motivo di punti diritti e rovesci che ricorda i fiocchi di neve.

Potete trovarlo QUA, cliccate e potrete scaricarlo da Crowdknitting.
Lo schema "Brrr… I'ts Cold Outside!" si può scaricare solo se si è iscritti al sito Crowdknitting.
La registazione è gratuita!
Da febbraio potrete scaricare il pattern "Brrr… I'ts Cold Outside!" direttamente da Ravelry.
You can find the pattern "Brrr… I'ts Cold Outside!" HERE.
The pattern "Brrr… I'ts Cold Outside!" can be downloaded only if you are registered on the site Crowdknitting.
The registration is free!
From February you can download the pattern "Brrr… It's Cold Outside!" directly from Ravelry.
Photo Courtesy: Paolo Bonivento.

5 commenti:

Unknown ha detto...

Brava Valentina per la dettagliata descrizione con il ns (importante)senso di tatto! :-) Mi identifico nel modo di considerare certi filati (lana o cotone che sia) al momento d'aquisto. Ma non ho mai letto in nessun giornale o libro una descrizione di filato considerando anche la piacevolezza del contatto mentre un capo si lavora.
Aprezzo la tua accurata osservazione sulla qualità del filato, sei la sommelier dei filati.
A presto
Ester

Cri ha detto...

che belli questi colli :)
bacione

Francesca ha detto...

in bocca al lupo per il tuo nuovo impegno e... collo stupendo

Elena Bonelli ha detto...

Brava Valentina! Molto bello il tuo collo e sono molto molto felice per te per la nuova collaborazione, che ti auguro porti tanta soddisfazione!

Tibisay ha detto...

Grazie ragazze per i vostri gentilissimi commenti!
Ed ora… al lavoro, che febbraio mi aspetta!