mercoledì 10 aprile 2013

SEPPIA IN BIANCO

I pattern sono come i figli.
Inutile prenderci in giro, c'è sempre il preferito.
Oddio, preferito... mi rendo conto che l'affermazione è un po' forte e decisamente impopolare, ma dovrete convenire con me che ho ragione. Ci sono dei momenti che certi lati del carattere dei figli ti fa "pendere" più per uno che per l'altro... Leo è il mio preferito per la sua dolcezza, per esempio telefonare alla zia per raccomandarle di non uscire che c'è il ghiaccio e potrebbe cadere e spaccarsi una gamba (e poi toccherebbe a noi andarla a curare, ma questo è un'altro discorso, vero), Riki è il mio preferito per la sua simpatia, per esempio quando riesce ad evitare le sgridate perchè fa una faccia, ma una faccia.
Insomma, uno e l'altro sono i miei preferiti a turno e per diversi motivi.
E per i pattern è uguale.
Ma, ripeto, alcuni sono preferiti anche perchè si prestano a mille interpretazioni e sono estremamente versatili.
Il Nero di Seppia, per esempio, si presta ad essere indossato sia durante la brutta stagione, se lo facciamo in cashmere finissimo, sia durante l'estate se lo realizziamo in seta o in cotone altrettanto fine.
In questo caso, ho usato una seta decisamente vintage che ho comprato a Grado, svaligiando la botteguccia che lo custodiva gelosamente da decenni.
E' un filato da diventare matti a lavorarlo, ma che dà, una volta terminato, un effetto stupefacente: mai fino ad ora avevo incontrato una seta così morbida, drappeggiata e luminosa. Ah, facessero ancora questi filati!
Certo è un capo che è lungo a finire... difficile no però.
Credo che per il prossimo inverno mi aspetti un Seppia in Rosso... ho giusto giusto del cashmere che mi avanza...

7 commenti:

knitting bear ha detto...

Ti capisco, non è possibile non avere preferenze. Io ne avevo per alcuni dei miei gatti, quando ne avevo più d'uno e, decisamente, ne ho per alcuni dei miei pattern, più o meno per i tuoi stessi motivi.

Questo mollusco che hai creato è veramente interessante, purtroppo per me non ho mai tempo per fare cose per me, altrimenti ne farei un paio anch'io!

elena ha detto...

E' bellissimo, e questa versione mi piace ancora di più di quello in nero. Sarà la luminosità, sarà la lucentezza del filato, non lo so.
Questo vorrei proprio farmelo! A dire il vero non ho mai lavorato la seta, e mi spaventa un po'. Date le mie misure ho paura di metterci anni...

Anonimo ha detto...

Che te lo dico a fare che qs versione mi fa impazzire e sarà a breve sui miei impazienti ferri??

Nada

PaolaeMargherita ha detto...

Si vede che il filato è davvero bello, lo si capisce anche dalla fotografia. Il modello sul tuo fisico è superazzeccato, che dire di più? Mi farei anche io una vacanzina a Grado a cercare filati...anche io non amo la vit da spiaggia, ma se c'è la possibilità di fare acquisti yarnosi...beh, allora cambia tutto!

Rosalba B ha detto...

solitamente preferisco il nero al bianco....ma il tuo seppia bianco è davvero super...mi fai venir voglia di iniziarne uno ;)

✿Lilly❀ ha detto...

io deo ammettere che quando ho visto il primo nero di seppia ho subito immaginato una versione più leggera in un colore chiaro...ed ecco che dopo qualche tempo hai fatto diventare reale questo desiderio...sono molto indecisa sulla versione che farò per prima di questo schema, che devo dire è davvero uno fra i tuoi più belli, ci credo che lo pensi anche tu...quando si fa centro lo si fa e basta! se trovassi un filato meraviglioso come il tuo farei una versione primaverile senza alcun dubbio...sono incantata, se solo riuscissi a fare ordine fra tutti i wip e le queue...
bravissima ancora, amica mia!

Tibisay ha detto...

Siete gentilissime!
Vorrei anche approfittare per scusarmi di non essere stata molto presente ultimamente, nè qui sul mio blog nè nei vostri... mi farò perdonare, ho terminato le incombenze più gravose e presto il solito tran tran ritornerà alla normalità!